martedì 31 luglio 2012

  Pioggia
                                       
Pioveva senza sosta

da ore camminavo

bagnandomi  piedi e  mani

Eppure mi piaceva continuare a camminare,

e pensare,

sotto quella pioggia fresca

e dolce come il miele

Sguardi di compatimento

mi scivolavano addosso

Richiami perentori

non li sentivo

Qualcosa di nuovo

rimescolava il mio cuore

E la mia mente vagava libera

senza più catene

E la mia vita

dopo tanto tempo

saltava impaziente

tra pozzanghere e pioggia

per finire

tra le mie mani.



(marzo 2009)

Nessun commento:

Posta un commento